La vita è quella cosa che ci accade
mentre siamo occupati in altri progetti.

(John Lennon)

Già è proprio il caso di dirlo: tra i problemi di linea e connessione e altre incombenze sono stata un pò distratta e in un caso anche distrutta, per qualche giorno.
Le cose brutte accadono purtroppo. Le preoccupazioni possono prendere lo spazio dell’entusiasmo per un progetto e rubare tutte le energie che nutrivano sia la nostra motivazione che anche la nostra capacità di agire.
Tuttavia e a maggior ragione se queste preoccupazioni verranno e potranno essere in parte risolte dal conseguimento dei nostri obiettivi è necessario superare questi imprevisti e guardarli da un’altro punto di vista: come motivazioni per andare avanti, darci dentro e raggiungere l’obiettivo.
A rilento, ma sto andando avanti. Oltre al più che umano disagio dovuto da quanto accaduto non ho peggiorato le cose forzando la mano e lasciando, piuttosto, che i pensieri negativi fluissero e le ferite si rimarginassero.
In ogni caso non sono stata con le mani in mano….perchè comunque ho raggiunto dei traguardi in ambiti meno visibili e materiali come l’autodisciplina e l’autocontrollo e in questo ultimo caso la gestione della rabbia e dell’ansia e del senso di (op)pressione. Ho tenuto duro ed ho vinto. Ho saputo attendere invece di sbottare e puf…il pensiero negativo è volato via come succede spesso anche a certe idee creative, purtroppo. Infine anche ciò che sulle prime era negativo e bloccante si è trasformato in carburante pulito e prezioso per il raggiungimento del mio obiettivo.
Questa domenica andrò a visitare il mercato a cui intendo partecipare dal mese prossimo e siccome l’associazione che gestisce i banchetti è aperta andrò a chiedere informazioni quanto più dettagliate possibili e vedrò anche di farmi un’idea di dove sono i posti meno costosi (ci sono tre tariffe a seconda della zona ed ovviamente quella più costosa è in posizione migliore rispetto a quelle meno costose).
Sto lavorando anche al briefing e al logo e questa si che è una croce ma con una certa determinazione sto andando avanti….e arriverò anche in questo caso al dunque…ovviamente il programma si è sminchiato di nuovo con le deadlines.
Quello che però è importante però è andare avanti, non fermarsi: non lasciarsi spegnere l’entusiasmo e la motivazione se qualcosa va storto… se non si rispettano i tempi prefissati: miglioreremo comunque le nostre prestazioni anche in questo. Di certo non miglioreremo se siamo pronti a buttare tutto alle ortiche per una sbavatura fuori tempo massimo, soprattutto se non ha conseguenze determinanti.
A me piace l’armonia, il funzionare fluido…. non mi piace lo scontro, la pressione alta, forzare la mano e gli ultimatum. Non mi piace pensare agli inevitabili errori della vita come a dei fallimenti definitivi…visione che purtroppo influenza molte persone, senza contare quelle che in qualche modo cercano di influenzarti e destabilizzarti con questa idea. È questa stessa idea ad essere fallimentare, una profezia che si autoavvera e chi la possiede, ne è posseduto e influenzato e la condivide è destinato sì al fallimento.
quindi:
Hey , ho! Let’s Go!

Annunci