Sono convinta che la legge dell’attrazione sia una banfata senza precedenti, non perchè sia falsa ma perchè complica qualcosa di estremamente semplice e che è accaduto a tutti, almeno una volta nella vita.

Ovvero che se credi davvero in qualcosa, se senti ardere un certo desiderio di fare, dentro di te, farai in modo di poterlo fare e contagerai l’ambiente che ti circonda con il tuo entusiasmo al punto tale che tutto o quasi sembra ad un certo punto, volgere a tuo favore.

Succede lo stesso al contrario: ovvero quando scendi nel circolo vizioso dell’autocommiserazione, dell’apatia e della rinuncia. In cui tutto il mondo, cativo e ‘tipatico,  congiura contro di te facendoti andare tutto storto!

È l’alba e mi sono presa le mie due ore di relax post fine del lavoro… sono fondamentali…

Stasera ho finito la prima di tre magliette che sto realizzando per un amico… c’è stato un microsecondo in cui ero molto stanca…e demotivata, poi mi sono ripresa ed ho deciso di affrontare le cose da un diverso punto di vista e beh, ero così presa da quello che stavo facendo che quando mi sono resa conto che era finita sono rimasta sorpresa.

L’ho tolta dalla tavola di compensato che uso per le magliette e ho subito messo la seconda, che ho pure tracciato. Domani credo che la seconda la finisco in poco tempo.

Il mio problema più grande è, attualmente, il fatto che se son presa da un progetto non riesco, in alcun modo, a distaccarmene sinchè non l’ho finito. Altro che multitasking. Però lavorare per 12 ore consecutive su un progetto, dimenticandomi di fare qualsiasi altra cosa mi esaurisce, mi aliena al punto che poi, appena concluso non voglio più sentire parlare di fare altre cose simili per un pò. Mi devo anche riprendere mentalmente. Credo che questi blocchi immani di ore di lavoro e di ripiglio post immersione così come sono non siano positivi per me e debbano e si possano tranquillamente spezzettare nell’arco di più giorni.

Solo che non è facile. Ad ogni modo so che ce la farò. Mi fido del mio istinto.

L’idea è che domani lavoro finchè non ho finito la seconda maglietta e poi mi dedico ad altro, per esempio finire la personalizzazione del sito in modo che da lunedì debutti sulla pagina fb….con i post delle magliette che sto realizzando.

Dopo domani faccio la terza, le stiro tutte e poi le metto a lavare e poi le stendo, e per lunedì mattina sono pronte ad essere spedite. 🙂

Mentre stiro lavo e stendo mi dedicherò ad altro…tipo il progetto che ho in mente: una serie di illustrazioni di alcuni monumenti famosi di torino, rivisitati a livello grafico illustrativo da me. Soggetti con cui posso decorare qualsiasi cosa, creando, volendo, una collezione di oggetti (magliette, borse per la spesa in tessuto, tazze, cover cellulari e cover per le agende).

Beh… credetemi, da quando non ho più problemi con l’alcol la mia testa è un turbinio di idee;in qualche modo percepivo che l’alcol mi addormentasse parecchio e anche per questo odiavo questo problema e desideravo liberarmene, ma quello che sta venendo fuori dalla mia mente in sti giorni è davvero fantastico! Insomma toccare con mano è tutt’altra cosa rispetto ad avere una mera sensazione di disagio, significa rendersi conto sulla propria pelle di quanto ti stessi facendo male, prima.

Bonci, è ora che spenga il pc, anche lui è stanco….(visto che mentre facevo la maglietta mi sono sparata una bella maratona di serie tv preferite ;-))

 

 

Annunci